Tu come stai?

Standard

Amo le persone che chiedono come stai; le trovo coraggiose perché corrono il rischio di sentirsi rispondere “uno schifo”  e poi restano lì a chiederti il perché; non so, mi fa sentire tremendamente amata. E’ troppo facile volere bene una persona quando è bella, in forma, solare e brillante, ma quando il sole cala?  Quando diventa difficile interpretare i silenzi, i pensieri, le punteggiature, le pause e i sottointesi, non è vero che restano gli amici, restano i coraggiosi e gli amici che ti amano. Oggi ho fatto una bella ,liberatoria, chiaccherata con una cara, dolce, amica e ho avuto la conferma che lei è una di quelle persone che ci saranno anche quando arriverà l’ombra perché ci rincorriamo a vicenda per paura di perderci e alla fine ci ritroviamo , e questa è una cosa che si è verificata solo con le mie più grandi amiche, quelle che durano nel tempo, quelle che non si lasciano scalfire. Tra le tante cose di cui abbiamo parlato, una frase mi ha colpita: “ma tu hai un carattere più forte!”, è una di quelle frasi che mi sono sentita ripetere per tutta la mia vita, mia madre da piccola mi diceva che avevo un carattere più forte di mio fratello; la mia migliore amica me l’ha sempre detto, e anche Lovely, e in certi momenti me lo riconosco da sola, che si , soprattutto quest’anno sono stata forte. Ed è vero quello che ha detto la mia amica,il mio grillo parlante, essere forti implica un pò la responsabilità di farsi carico delle debolezze e degli sbagli altrui, ed è una cosa che molte volte, silenziosamente ho fatto, ma viene il momento in cui anche il forte si stanca, e quando questo succede è devastante. Quando crolla un castello di sabbia , i granuli si disperdono silenziosamente nel vento o vengono trascinati via dalle onde, ma quando è una montagna a cadere? Cosa succede? Si sente il boato,vengono sradicate le radici di alberi secolari, che ormai si davano per scontati; piovono ciottoli e rimane polvere, desolazione e tutti si chiedono come sia stato possibile. Le persone non sanno che anche i forti hanno bisogno di amore, forse di più, perchè si pretende tanto da loro, e perchè troppo spesso si sentono dire “tu sei forte”; i più non sanno che quella forza è un dono del Signore o di Madre Natura, fate voi, per nascondere un animo che dire sensibile è riduttivo: un animo che basta uno sguardo malizioso, una parola, un’assenza, un’indifferenza per essere distrutto, e che con un semplice “come stai?” si sente curato e cullato come un bimbo. Anche i forti cadono, e quando cadono sentono tanta stanchezza, e il rumore che provocano fa paura, per questo alcuni fingono sordità o cecità per giustificare la loro codardia, e poi ci sono i coraggiosi che chiedono come stai.

195346

Annunci

»

    • Sicuramente! io ho smesso di rispondere a chi non ascolta, e rispondo a chi non si accontenta della mia diplomatica risposta “tutto bene, grazie!” e e mi chiede come sto realmente. Per me è importante, sinceramente mi sono stufata di certa gente patetica che dice in giro di preoccuparsi per te e poi non manda neanche un sms per sapere come stai!

    • Già, molto spesso la forza degli altri viene utilizzata come scusa da parte di terzi per venir meno alle proprie responsabilità. Comunque grazie, torna pure quando vuoi, sei il benvenuto:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...