Next level

Standard

Quando ero piccola,oddio non tanto piccola,avrò avuto undici anni, giocavo spesso a Tomb Raider, con la mitica Play Station 1, quella grigia , che per ottenerla io e il Bruno abbiamo lottato per convincere i nostri genitori titubanti,non come i ragazzini di oggi che ricevono la Ps3 come regalo al Battesimo! In Tomb Raider c’erano livelli cosi difficili che restavo bloccata per settimane, anzi se devo dire la verità Tomb Raider 3 non l’ho mai completato. Ho sempre immaginato il percorso universitario come un videogame a livelli, sempre meglio di immaginarlo come una pena da scontare, e oggi ho superato un livello:D :D:D. Che liberazione,la fine di un incubo davvero! La cosa che più odio di un esame è l’ansia che comporta, direte voi che ho scoperto l’acqua calda, ma stamattina pensavo che ho davvero un carattere di merda, sarebbe meglio avvertire l’ansia a piccole dosi i giorni prima dell’esame, piuttosto che vederselo scaraventato addosso il giorno stesso,è devastante.Mio padre mi ha lasciato all’uni alle 7,30, praticamente non c’era nessuno,e mentre aspettavo Lovely e la mia collega Pinko (santi subito, poverini hanno sopportato i miei deliri), mi sono alienata per un pò ascoltando la colonna sonora de Il Signore degli Anelli, ebbene si, mi rilassa tantissimo. Io non sono di quelli che ripassano fino al momento prima dell’esame,lo trovo anti-producente, e se è per questo,mi tengo alla lontana anche dai colleghi che ripassano perchè mi fanno confondere. Ma oggi un collega una notizia giusta me l’ha data: “l’esame dura due ore!”. QUANTOOOOOOOO? Sono entrata alle 9 in quel maledetto studio, il prof ha cominciato ad interrogarmi e ha smesso alle 11:45, non ce la facevo più, l’ansia ormai mi mangiava viva, mi mancava l’aria, avevo un filo di voce e mi girava la testa, e quando sono uscita sono scoppiata in un pianto liberatorio,tanto che il povero Lovely non aveva capito che avessi passato l’esame. E’stato un pianto liberatorio non solo per il sollievo di aver finito l’orale ed essere uscita da li, ma per la fatica che questa materia ha comportato per me e ora rimane la soddisfazione di aver superato una grande difficoltà con le mie sole forze, tutta farina del mio sacco, tutto frutto del mio studio. Ho finalmente superato un ostacolo che ha comportato un blocco nel mio cammino universitario, e che mi ha fatto stare male, ma non perchè io sia una bambina viziata che vuole tutto e subito e non sa reggere alla fatica e al sacrificio, ma perchè mi vedevo ferma dal punto di vista accademico, e stare fermi sotto qualsiasi aspetto della mia vita mi fa stare male, mi soffoca,mi scoraggia,avevo troppa sete di vittorie e avevo troppa voglia di consumare la suola delle scarpe, di mangiare km. E’ ancora presto per prenotare le bomboniere per laurea,ma a me basta sapere che ho fatto un piccolo passo in più, un passo di 10 Cfu, non sono allo stesso punto in cui ero l’anno scorso,posso guardare avanti. Ho affrontato l’esame scritto di questo materia anche con il caldo di Minosse, ve lo ricordate il caldo torrido di quest’estate? Mentre tutti i tg raccomandavano di stare in casa e al riparo  nelle ore calde, io alle 15 ero in facoltà di farmacia a fare quest’esame. Ho studiato su due libri,ne ho consultato un terzo  e gli argomenti che non capivo li ho approfonditi su internet; ho fatto infiniti viaggi per prenotarmi( perchè, sembra assurdo, ma non c’è la prenotazione via internet per questa materia), allo studio del prof per chiarire alcuni dubbi, mille telefonate nei giorni scorsi per rintracciarlo e conoscere la data dell’orale, e mea culpa, sono responsabile della morte di non pochi alberi data la mole di quaderni e carta che ho utilizzato. E ora?Ora tutto è pronto per il falò:D e si continua a guardare avanti:).  Ancora non ho pienamente realizzato, penso che lo farò nei prossimi giorni , quando riporrò i libri sullo scaffale più alto della mia libreria, quello in cui metto i libri che non uso, è li che si comincia veramente ad assoporare la gioia, quando posi un libro che sai che non toccherai mai più. Devo ringraziare Lovely,i miei genitori per avermi sostenuta, le mie amiche P,T, e la mia Best♥ ( con il cuoricino, cosi come mi ha memorizzato in rubrica) per aver creduto in me,quando non ci credevo neanche io; la mia collega Pinko, quando stavo cedendo e mi ha trascinata a non abbandonare questa materia, ai miei fratelli, e giusto per onorare la tradizione di famiglia devo dirlo : BAAAAASTOOOOONER:D:D

tomb_raider_anniversary_1440x900

Annunci

»

  1. a quasi 49 anni io sulla ps ci resto ore…. e con la signorina Raider ci debbo ancora combattere da anni…. e mio figlio mica mi aiuta!! :o) per il resto …appassionante quello che ho letto su amicizie e scuolae prof… ai miei tempi era tutto diverso… abbracci! Cat

      • Miei tempi? oddio mio figlio ha 23 anni e lo debbo a lui se ho imparato a giocare certi giochi…(adoro sparare pensa tu…. ai miei tempi il commodore64 e il vecchio ping pong per non parlar di cicciobello e barbie…(ci son ancora solo che son tecnologiche!!! Quelle non le so usare ma i videogiochi si si!! nella mia frequentazione scolastica anni 70 anni di turbolrnza.. pensavo ai picchetti e alle manifestazioni piuttosto che allo studio e i rapporti coi prof erano spesso bellicosi dal punto di vista politico che di materia di studio … sono nata nel 1964 fa quattro conti e scoprirai che poco è cambiato … ma una cosa si… manca la voglia di insegnare… manca la voglia di prendere uno studente in difficoltà e dargli una mano…:O) ciao!! c’e’ stato un periodo di fermo studenti di coscienza collettiva ma ho notato che finalmente piccoli fuochi stanno diventando grandi falò. gli studenti hanno ripreso in mano una coscienza civica che è mancata per tanto tempo… forse un po colpa proprio delle PS e delle Wii… :o)

      • ricordo che quando andavo al liceo, qualche anno fa, si andava a fare i cortei giocando a fare i sessantottini…oggi è vero forse c’è un risveglio delle coscienze

  2. Complimenti per il livello passato!! Io ho fatto tutto tomb raider 1, era il più bello in assoluto secondo me perché c’erano pochi nemici e tantissimi enigmi. ma la cosa più inquietante di tutte (non so più in quale Tomb Raider) era quando facevi allenare Lara Croft nella sua villa e quel maniaco del maggiordomo ti seguiva dapperttutto!

  3. Hai delle persone meravigliose che ti stanno accanto e con loro sicuramente puoi raggiungere tutti gli obiettivi che ti sei prefissata. Oggi hai superato uno scoglio, hai messo un piccolo mattoncino nella casetta che stai costruendo e da domani sicuramente comincerai a costruire le basi per metterne un altro. Il tuo sfogo è veramente passionale, traspare tutta la tua felicità nell’aver mosso quel piccolo passo che ti riporta nuovamente e riprendere fiducia nei tuoi mezzi..

    Ps a Tomb Raider c’ho giocato anch’io, e sono rimasto a due livelli dalla fine, magari riesco a finirlo entro l’anno..

    X Marco, fare allenare Lara Croft ero uno spasso, io lo facevo sempre poiché non riuscendo a superare i livelli, non sapevo cosa fare 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...