I riccioli di Merida alla notte degli Oscar

Standard

Manca circa un mese alla notte degli Oscar 2013 che si terrà giorno 24 febbraio; devo dire che non sono mai stata particolarmente  interessata dai film selezionati dall’ Accademy, sono sempre stata attratta dai film uscenti dalla Mostra del cinema di Venezia e Cannes, però tra le candidature di quest’anno qualche film che mi incuriosisce,e qualcuno per cui fare il tifo c’è! Non destano particolari sorprese le 12 candidature per Lincoln, cosi come per gli attesi Les Misèrables e Anna Karenina. Due giovani attrici candidate come migliori attrici non protagoniste Amy Adams e Anne Hathaway. Quattro nomination anche per Django Unchained, l’atteso ritorno di Tarantino,e una candidatura per Robert De Niro come miglior attore non protagonista. Tre candidature per Lo Hobbit e una candidatura a testa per le due versioni di Biancaneve, ovvero Mirror Mirror e Biancaneve e il Cacciatore, cosa che mi lascia un tantino di stucco. Personalmente faccio il tifo per Ribelle-The Brave, ennesimo capolavoro di casa Disney-Pixar:D .La storia è ambientata nella suggestiva Scozia, dove una poco tradizionale principessa,Merida, dai lunghi riccioli rossi, dedita al tiro con l’arco piuttosto che al ricamo, deve andare in sposa ad uno dei giovani rampolli dei diversi clan. La ribelle principessa non riesce a sottostare alle regole della madre e non intende far decidere agli altri del proprio destino, dunque con l’aiuto di una strega ricorre ad un incantesimo per cambiare la madre. E la madre cambierà, ma non nel modo che si aspetta la fanciulla:D e sarà il burrascoso viaggio che madre e figlia intraprenderanno per riportare la situazione alla normalità che permetterà alle protagoniste di comprendersi, accettarsi e riunirsi. Nonostante l’ambientazione medievale e le contaminazioni della magia e della cultura celtica, ho trovato questo film estremamente attuale; il rapporto genitori- figli è tra i più complessi che esistono, esasperati molto spesso dalle aspettative dai genitori, dalla presunzione dei figli a voler essere i soli ad essere compresi; dalla ribellione dei figli alle regole dai genitori e dallo scarso dialogo che alcuni genitori non costruiscono con i figli. Il messaggio lanciato dal cartone è altamente educativo sia per i figli sia per i genitori, tanto da discostarlo in parte dalla sua natura di prodotto per ragazzi ma diventare trasversale e piacevole per ogni età( io l’ho visto con mia mamma, e ci siamo divertite); i genitori devono imparare a non ritenere i figli una proprietà di cui disporre a piacimento ma devono assecondare le inclinazioni dei figli, i quali a loro volta devono vedere i genitori come uomini e donne con le loro debolezze da perdonare e con i loro sentimenti. Inoltre sono davvero contenta di non vedere più al cinema quelle bellissime, perfette, ingenue principesse, ma giovani donne caparbie , spettinate e determinate a fare della propria vita  quello che desiderano, lo trovo un bel messaggio per le ragazzine.

Pixar-con-Ribelle-The-Brave-il-potere-e-donna_h_partb

 

 

 

 

 

 

Tornando infine alla nomination sono un pò delusa dal non vedere tra i candidati per i corti d’animazione ,La Luna, il corto Pixar che accompagnava Ribelle,e che io ho trovato un prodotto veramente delizioso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...