Mare Nostrum

Standard

E lasciami sfogareeee…..e lasciamiii gridareeeeee! Buonasera gente, anzi dovrei dire buonanotte, o forse buona notte ai sognatori, o buongiorno dipende da quando leggerete, io sono appena rientrata a casa dalla prima serata del Marranzano festival e ho ancora qualche energia per scrivere un pò. Premetto che la serata si è svolta nella splendida location del chiostro dell’Istituto Ardizzone Gioeni,mea culpa , non c’ero mai stata, e pensare quante volte , ogni mattina,ogni mattina lo ripeto, ci passo davanti andando all’uni; il chiostro mi ha dato l’impressione di un posto incontaminato,in via etnea, arteria cardine della città, eppure un luogo lontano dal tempo e dalla modernità; è bello scoprire che ancora la tua città ha posti con cui può sorprenderti. Detto questo lo scopo del Marranzano festival è quello di riscoprire,attraverso le varie contaminazioni musicali, la musica tradizionale popolare perfettamente rappresentato in tutto il mondo dal marranzano, dallo scacciapensieri insomma. La prima serata prevedeva l’esibizione del duo Stefano Spoto e Giorgio Maltese che con il solo marranzano hanno presentato brani della tradizione siciliana,frutto della loro ricerca, e questa è un’idea che mi è piaciuta molto; credo fermamente , sopratutto oggi che internet, i viaggi,hanno reso i confini e le identità cosi poco nette (tranne per gli USA, noi siamo americani, noi siamo fighi,noi abbiamo inventato mc donald e siamo obesi) ci sia la necessità di recuperare i suoni del nostro dialetto, meravigliosi i suoni del dialetto siciliani, è con orgoglio che ricordo che prima ancora del fiorentino è proprio la Scuola Siciliana a dare le origini al nostro meraviglioso, quanto mai bisfrattato italiano. Credo sia anche importante recuperare non solo i suoni, ma anche i contenuti,quindi i testi,le tradizioni,le canzoni che intonavano i nostri nonni. La serata è poi proseguita  con il trio i cui componenti provenivano rispettivamente da Sicilia,Palestina e Senegal,con i loro arpeggi, impreziositi dal particolare strumento kora, sembravano davvero unire le tre zone del Mediterraneo da cui provenivano i musicisti. Le onde armoniche create dagli strumenti sembravano le onde del Mediterraneo, che bagnano sia l’Africa che l’Italia,facendoci sentire figli dello stesso mare,un’unica civiltà, un’unica cosa, e il suono delle percussioni richiamava il magma sotto il Mare Nostrum. La poesia è finita però quando sono arrivati l’ultimo gruppo ad esibirsi Ipercussonici; dal punto di vista tecnico non si può dire davvero nulla su questo gruppo, con notevole maestria suonano percussioni di qualunque tipo creando ritmi incalzanti, ecco appunto, ritmi. Io non sono certo esperta di percussioni ma ascoltando un’ora e mezza di concerto mi sono resa conto che alla fine quello che mancava a questa esibizione era l’armonia, la melodia, tanto che sembrava di ascoltare un unico pezzo durato un’ora e mezza; alla fine è stato stancante e noioso e mentre tutti scimmiottavano esaltati dal vino , dal ritmo, e dalla cantante che rivendicava la nostra siculità, a me esasperata sorgeva il bisogno di dire con accento barese ” io sono di Bari”, che nella mia mente mi veniva pure bene l’accento, ma credo che la mia voce non avrebbe riprodotto il suono che ho immaginato e sarebbe venuto fuori il mio accento. Sarebbero bastate due o tre canzoni, cosi come gli altri artisti che si sono esibiti, e la serata non sarebbe risultata cosi pesante. Bilancio della serata dunque?  L’idea della manifestazione mi piace tantissimo e spero di tornarci, anche i gruppi che si sono esibiti sono stati davvero bravi , unica pecca, come ho ampiamente detto il troppo tempo dedicato a Ipercussonici. Ho sbagliato serata, sarà per la prossima edizione, ora a nanna;) Buonanotte

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...