Un anno di noi:Io, Voi e La Cabina-Armadio

Standard

compleannoUn anno fa come adesso mi ritrovavo a dare un nome a questo piccolo spazio; tra dubbi,curiosità,incertezze ho costruito la mia Cabina-Armadio, il sogno di ogni donna! Non avendo mai costruito un cabina non avevo certo idea di come inserire le giunture,le ante, i cassetti,eppure eccola qua,a festeggiare il suo primo anno:D:D . E certo che per essere piccolina ci siamo entrati tutti, siamo più di cento ormai in questa Cabina, grazie di cuore a tutti voi,blogger che mi seguite :D:D; ma questo state sicuri  è solo il primo dei miei ringraziamenti.

Com’è nata l’idea? Molti di voi , chi restando per qualche minuto  o chi ha deciso di seguirmi, ha letto la mia pagina di presentazione,questo blog nasceva con l’esigenza di fare ordine tra le mie idee,era un periodo particolare, avevo ricevuto delle delusioni , dal punto di vista personale, non si distinguevano più i volti amici da quelli nemici; la vita da studentessa non mi bastava più, volevo qualcosa di mio, da costruire,da curare, qualcosa di cui andare fiera,anche se un piccolo blog insignificante e sconosciuto. Che bello vedere come le cose sono cambiate da allora,che persona migliore sono ora che mi sono riappropriata delle mie motivazioni, dei miei desideri e delle mie aspirazioni, ora che mi sono liberata dell’erbaccia,ora che non mi toccano più,ora che attorno a me ho persone meravigliose,ora che l’ottimismo è tornato a scorrere nelle vene! E’ una Rosa Rita sorridente, fiera,serena che oggi vi scrive e voi lo sapete meglio di me,perchè quest’anno l’abbiamo vissuto insieme, e questa è stata la più grande sorpresa e soddisfazione che ho ricevuto dalla mia avventura da blogger!

Questo blog nasce quindi inizialmente come un diario, come ho letto su molti altri blog come un luogo personale in cui sfogarsi, in cui liberarsi. In questo blog ho imparato a spogliarmi, la scrittura mi ha aiutata a capirmi e a farmi capire,perchè è vero come dice la canzone dei Negramaro ” ho un vuoto d’aria nella gola,e non riesco a dire se quel che manca è la parola e un singhiozzo di pensieri che non mi fa parlare”; troppo spesso infatti le mie parole non escono dalla voce, ma non le puoi soffocare,e io le so fare uscire con la scrittura,o almeno mi viene più facile; cari amici anche se in maniera velata, nascoste dalle immagini buffe e contorte che a volte uso, ho raccontato emozioni che non ho detto a nessun altro, e voi avete letto tra le righe. Non sono mai riuscita a tenere un diario,sapete? E ora so perchè, ho capito che per me lo scrivere non è fine a se stesso, non mi basta esaminarmi , e riportare su carta quello che penso; è vero la scrittura in me ha un effetto catartico , ogni volta che scrivo stacco completamente la testa, mi estranio, e quando termino mi sembra di essere tornata da un viaggio straordinario e se mi chiedo dove sono stata mi rispondo che sono stata nel profondo della mia anima. Ma il motivo per cui scrivere di me non mi basta, altrimenti sarebbe bastato un diario, è che la mia scrittura è comunicazione,mi piace che qualcuno legga,mi piace che qualcuno mi legga; accolga quel pezzo di me che io in quel momento sto donando. Egocentrismo dite? Non lo so, non credo, almeno che il mio ego non cosi estroso si sfoghi solo qui, forse mi piace raccontare,e dato che non so inventare storie tali da scrivere un romanzo, racconto di me. Per fortuna siete arrivati voi, e ancora una volta ( ve l’avevo detto) vi ringrazio. Siete arrivati voi e per qualche strano motivo vi siete affezionati a me,l’ho capito quando scrivevo stupidaggini assurde e voi eravate li con i vostri mi piace, con i vostri commenti,e io pensavo e dicevo a Lovely ” ma cavoli, ho scritto una stupidata pazzesca e ancora non mi mandano a quel paese, mi vogliono bene davvero!”. Voi siete stati qui tutto l’anno e mi avete visto mettere ordine tra i miei cassetti , dove ho riposto tutti i miei interessi, come le sfilate di moda ,i film,i libri, le curiosità,in maniera ordinata,come fanno le mamme,e siete stati li anche quando ho scaraventato con violenza e disordine in fondo all’armadio le mie emozioni più forti,i miei pensieri più tristi,le mie gioie più convulse.

Sapete, io non amo particolarmente i forum ,  non vado nelle varie pagine facebook che so a commentare o a creare dibattiti; non ho mai visto il motivo di comunicare con persone che vivono chissà dove e di cui non conosco i volti. Per me è stato quindi sorprendente ritrovarmi qui a leggere i vostri commenti,ad emozionarmi quando qualcuno di voi mi diceva che si è emozionato leggendo un mio post,a rispondervi, a leggere i vostri post, a impararvi a conoscere tutti, e non voglio fare nomi perchè potrei dimenticare qualcuno,lungi da me.A poco a poco in questo lungo anno mi sono appassionata alle vostre vite e voi straordinariamente alla mia,e a volte mi chiedevo come fosse possibile, e ho capito che ognuno di noi con le nostre relazioni, i nostri sogni, la nostra routine , i nostri dispiaceri, siamo una storia da best seller! Quindi ancora grazie per avermi emozionata.

Ora, siccome se resto seria per più di 857 parole mi sento male, questo post si potrebbe benissimo concludere con la voce di Gianni Morandi che dice ” solo insieme saremo felici”, l’avete vista la pubblicità? aahahah ecco, sono contenta, ho sparato la mia cavolata quotidiana:D:D. Oggi è un giorno di festa, non solo per il blog, ma per tutti noi che in questo blogghino ci siamo confrontati e che cosa si fa durante le feste? Si brinda! Quindi un brindisi alla mia Cabina, un brindisi ai Sumeri che hanno inventato la scrittura facendoci un favore, un brindisi alle nostre vite, un brindisi alla voglia di raccontare:D:D

spumante

Annunci

»

  1. Ma auguriiii!!! 😀
    In qualche modo condivido quello che hai scritto…. *_*
    Sappi che uno di questi giorni vedrai la citazione dei Negramaro in un mio post haha Te la rubo 😀

  2. Tanti auguri “Cabina Armadio” 😀 sperando che non diventi come quella di Paris Hilton :D. Se una bravissima blogger, continua così 🙂

  3. Hai usato parole bellissime!! Buon Compleanno al tuo blog, in quest’anno ti vedo molto cambiata, sei anche riuscita ad esprimere la tua capacità nello scrivere anche in altri siti dove spero tu possa avere successo come cronista! Ma oltre tutto ciò, è sempre un piacere leggerti : ) (ehm..a parte i post sulle sfilate e sulla moda, su quelli ovviamente glisso : )))) Grazie di cuore : )

  4. Eccola lì “bel sorriso” che festeggia il suo blogghino. Un anno di complicità. Fantastico. 😉
    Il blog diventa davvero un piccolo salotto e siamo noi, tutti noi, che davanti un monitor ci raccontiamo, a volte con una sana ironia, a volte con un velo di tristezza.
    E se qualcuno tarda ad affacciarsi andiamo a fargli visita, corriamo sulla soglia della sua casetta virtuale per controllare se la luce è accesa, se il camino tira, se la pentola è sul fuoco. E se sta già dormendo gli tiriamo su la copertina, un bacino e chiudiamo la porta.
    Ed ora mi siedo un po’ qui da te, in questa tua cabina, una bella fetta di torta e …
    Buon compleanno blog, buona e lunga vita. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...