Archivi tag: news of the world

Caccia ai fuori corso

Standard

Certo perché una di lunedì mattina scende in facoltà per aspettare seduta una lezione che ritarda….ritarda. Indovinate dove sono? Esatto, in aula ad aspettare, non dico che potrei essere a letto,ma sicuramente a casa a studiare, visto che pomeriggio ho tirocinio. Ma comunque, ne approfitto per parlarvi di un argomento “caldo” . Ho letto un articolo su L’Espresso se ricordo bene, in cui si evidenziava l’esubero di studenti fuori corso. Questi mammoni,bamboccioni sono  un costo troppo alto per lo Stato. E allora quale’ la soluzione ? Tassarli di più oppure farli promuovere anche quando non hanno alcun merito. Comprendere bene l’assurdità di entrambe le ipotesi. Le tasse dovrebbero essere pagate per garantire dei servizi( ma questa si sa,è una leggenda metropolitana), fermo restando che molto spesso questi servizi si riducono a banchi,sedie ( non sempre sufficienti) e un professore che in qualche modo fa lezione, i ripetenti che ormai non frequentano più lezioni e laboratori per quali servizi dovrebbero pagare e quale costo rappresentano?
Il giornalista ,di cui non ricordo il nome, sottolineava giustamente non tutti i fuoricorso lo sono per demerito, ma spesso si mantengono gli studi o spesso sono ostacolati dall’organizzazione dello stesso sistema universitario,e dalla pretese assurde dei professori. Allora perché dovrebbero essere ulteriormente puniti? Non è un’assurdità minore della proposta di ridurre i costi della sanità tagliando i controlli delle donne in gravidanza, una delle fase fisiologiche più delicate in cui si trova la donna. Ma chi pensa ste cazzate all’Università ci è mai andato?

Annunci

Giornata internazionale contro le discriminazioni razziali

Standard

Come potete evincere dal titolo e come sicuramente saprete oggi ricorre la Giornata internazionale contro le discriminazioni razziali, chiunque sano di mente sa cue a dignità di una persona non dipende dal colore dalla pelle, dal taglio degli occhi ,men che meno dalla religione.
Oggi però mi trovavo a piazza Teatro Massimo , una delle piazze più belle e importanti di Catania, dove lo splendido Teatro Massimo Bellini, il “gioiellino” come lo chiamo affettuosamente, e la piazza era popolata da extracomunitari,e io camminavo con gli occhi bassi e a passo veloce , come se avessi da temere qualcosa. Non mi nascondo e so di espormi al biasimo ma mi sono scoperta a guardarli con occhi diversi. Però mi spiego meglio o rischio di passare da razzista che non sono.  Erano in piazza, spacciavano, padroneggiavano nelle strade facendo sentire noi indesiderati, insultano le donne, uno di loro addirittura urinava in piena piazza ,incurante dell’ambiente e soprattutto dei passanti e che tra questi    vi potessero essere anche bambini. Vi prego di non fraintendermi, ho conosciuto persone straniere e di colore che sono diventate importanti per me, quindi il mio non è un discorso xenofobo e razzista,però ho pensato che l’integrazione è un processo difficile ed ambivalente, non dipende solo da chi ospita,che deve accogliere ma anche da chi vuole rifarsi una nuova vita in un altro Paese; so che molti vanno via da situazioni di  povertà e guerra e comprendo la loro sofferenza , la loro necessità di sopravvivere lontani dalla loro famiglia, dalle loro terre,ma come da parte nostra ci deve essere rispetto per le loro storie e vite,anche loro devono rispettare le nostre città , le nostre donne,solo cosi è possibile convivere. Per fortuna so che molti già lo fanno,ma tanto ancora c’è da fare da ambo le parti.

Siamo nel terzo mondo

Standard

Buongiorno carissimi! Sono appena arrivata all’Università, ma prima di abbandonarmi ad una giornata di studio vi riporto una notizia.
Radio Capital raccontava dell’ottima politica aziendale dell’industria  tedesca BASF che prevede uno stupendio di 1500 euro circa, tredicesima e quattordicesima,spese mediche, permessi studio fino a 180 ore per i dipendenti, borse di studio per i figli dei dipendenti.
Non serve neanche commentare le differenze con l’Italia giusto? 🙂
Dato che erano ancora le 7,30 del mattino quando ho ascoltato la notizia pensavo di stare sognando!
Si è vero è un’industria di concimi e fertilizzanti ma ne vale la pena rispetto alla disoccupazione che c’è in Italia,non vi pare?
Almeno noi abbiamo il sole!
Buona giornata 🙂